19.4.15

Tracce #28 | Florealità e memorie: opere brevi di John Warren

"Ogni registrazione è per me una rivelazione, sintonizza il mio stato emotivo con la vita interiore del soggetto." - John Warren

La poetica sublimazione dell'immagine: il cinema di John Warren è un'estatica mescolanza di memorie, sogni, emozioni e poesia. Attraverso una (s)composizione prettamente naturalista e floreale, l'artista indaga sull'importanza della vita e su ricordi personali, sulla natura stessa e l'inesplicabilità del cosmo, cercando di (ri)trasmettere un linguaggio diverso, trascendentale a quello comunemente inteso come cinematografico, proprio delle avanguardie americane del secolo scorso.
John Warren si rivela così, sorprendentemente, esimio cantore di un'immagine portata all'astrazione, attraverso un continuo gioco di sovrimpressioni e giochi di luce che finiscono per espanderla a un sostrato omogeneo di particelle pronte a brillare su sfondi marini (Larimar), sospendersi nell'immensità di spazi paesaggistici (Nature Sex) o, semplicemente, riempire uno schermo dalle gradazioni indefinite (come dimostra il finale-affresco di stampo brakhageiano in Elegy). Per i suoi lavori (da lui stesso definiti, brevi registrazioni di vita), veramente uno più affascinante dell'altro, sceglie la consistenza e la flessibilità del 16mm, il cui occhio svela immediatamente quel lirismo cromatico che Warren satura, per esempio, in Poppy Fields Forever; tre minuti scarsi incentrati sull'intensa osservazione di un campo di papaveri e le continue evoluzioni circolari di camera (in senso orario) su di esso. 
Potete guardare direttamente i film cliccando sui titoli qui sotto... approfittate!

Larimar
USA, 2014 | 6 minuti

Nature Sex
USA, 2014 | 3 minuti

Poppy Fields Forever
USA, 2012 | 3 minuti

Elegy
USA, 2006 | 6 minuti

2 commenti:

  1. Ciao Frank, bellissimo post come sempre. Le immagini di Poppy Fields Forever mi hanno ricordato i papaveri saturati 3D di Adieu au Langage... chissà, forse Godard nella sua voracità collagistica li ha (in)consciamente incorporati nel suo lavoro. O più semplicemente, quando il cinema si è saturato di generi, avanguardie, contaminazioni, i cineasti tornano a contemplare i campi di fiori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivan, fa piacere constatare l'interesse anche per questi "prodottini", ancora più sommersi del cinema underground stesso, lavori semplici ma di grande impatto, d'altronde su Vimeo ho sempre scoperto cose e autori interessantissimi. È vero, ricordano Godard quei papaveri, direi che tutto "Adieu au Langage" vive di una cromaticità esasperata, curioso è, che tendenzialmente si è soliti associare il nome di Godard al suo periodo d'oro, quindi al b/n. Protenderei per la seconda ipotesi: da una parte il cinema è indubbiamente iper-saturo (almeno quello più mainstream), dall'altra, noto che c'è comunque un sentito ritorno alla semplicità della pura registrazione, fortunatamente, e come per la fotografia, quale soggetto migliore se non la natura nella sua molteplicità di forme e colori?

      Elimina