30.4.15

Il Pianeta Azzurro

Franco Piavoli
Italia, 1981
79 minuti

Direi che se estraessimo in ordine i principali fotogrammi che compongono Il Pianeta Azzurro, per poi riassestarli all'interno di una superficie quadra fino a costruirne un mosaico, e osservarli così avendone la totale visione d'insieme, ci si accorgerebbe innanzitutto della precisa euritmia tonale dove a predominare è il colore azzurro, per l'appunto (quello del cielo, del disgelo, dell'acqua e del crepuscolo), e che in sostanza, dischiude e suggella l'idillico capolavoro di Franco Piavoli.
Poema sinfonico-esistenziale sulla magnificenza della Natura, i suoi cicli stagionali attraverso il tempo e l'insita integrazione dell'uomo in essa. È stimolante pensare come questo singolare docu-film partorito in un decennio (per il cinema) alquanto estraneo a determinate forme espressive, tenda ad attuarsi mediante un processo di reificazione, instaurando così nella mente di chi osserva, l'iniziale sensazione/illusione di trovarsi in un territorio a egli ignoto, come può esserlo, parafrasando il titolo, lo scenario inesplorato di un altro pianeta e le sue conformità aliene (notare la particolarità di certe piante). Il graduale risveglio dalle gelate invernali di una Natura dal potere astrattivo, falsifica infatti la percezione visiva delle forme e dell'ambiente, ed è solo con il dettagliato improvvisarsi delle nubi e il discendere dell'acqua piovana, con il rifiorire della primavera e dei suoi innati desideri (favoloso il momento di correlazione tra gli accoppiamenti delle varie specie - tra cui il nostro, in qualmodo ripreso anche nel recente Frammenti, 2012), che attualizziamo il reale; concretizziamo di essere, semplicemente, sulla Terra. È solamente che tendiamo a non riconoscerne più quei rigogliosi aspetti primari, talmente siamo distanti da determinate realtà e avvolti nel frastornante progresso quotidiano. A questo punto, Piavoli ci apre gli occhi; ci ridesta offrendoci l'opportunità di (ri)contemplare le origini dimenticate del nostro pianeta. Imprime, con la stessa eleganza di un poeta, trentamila metri* di pura essenza della vita e il suo più naturale decorso per restituirlo al nostro sguardo obliterato, mediante l'avvicendarsi dei giorni e delle stagioni; la quotidianietà dell'uomo e il suo ciclo biologico ripresi negli istanti più essenziali (il lavoro nei campi; lo svago; l'amore; il riposo; i turbamenti d'animo che riaffiorano durante il silenzio della notte). Ed ecco che in perfetta simbiosi con la rifioritura primaverile, anche i nostri sensi vengono sollecitati, riacquistando lucidità; è come risvegliarsi da una situazione che ci costringeva a una sorta di catalessi primordiale e ora, l'impressione è di essere noi stessi a rigermogliare/rinascere tra quelle piante e quegli insetti, come una qualsiasi altra e infinitesimale forma vivente, in quel preciso istante e in quel paesaggio microscopicamente ripreso al dettaglio. È come se la vista, si dischiudesse per la seconda volta di fronte a un universo del quale, a ogni giorno che passa, rischiamo di perdere il ricordo... Visione necessaria, non privatevene!

*Per il film, realizzato nell'arco di due anni in totale libertà, sono stati utilizzati trentamila metri di pellicola, grazie alla flessibilità di una cinepresa Arriflex, fornita a Piavoli dal regista Silvano Agosti.

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Traco?... :p
      Ah no, il villaggio... Buona visione ;)

      Elimina
  2. Ho letto la tua bellissima recensione e mi hai incuriosito molto,visto anche che lo hai apprezzato molto e conoscendo la qualità delle tue visioni,
    dici che ci potrebbe piacere,ce lo consigli?
    saluti
    -cinepaxy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho apprezzato moltissimo infatti, è una delle cose più contemplative e poetiche che mi sia capitato di vedere ultimamente. A mio avviso è un film da non perdere assolutamente, visione essenziale (tenendo conto inoltre del periodo di realizzazione) per chi nel cinema cerca il silenzio e l'immersione naturalistica, quindi, ideale anche per voi visto l'ottimo lavoro che state svolgendo :)
      Un saluto!

      Elimina