30.1.18

Nervous Translation

Shireen Seno
Filippine, 2018
90 minuti

Yael è una bambina di otto anni che vive sola con la madre, il cui lavoro la porta ad essere assente da casa per gran parte della giornata. Timida e introversa, la bambina preferisce scrivere esercizi di matematica e ascoltare da uno stereo-mangiacassette le registrazioni di suo padre, da molti anni ormai lontano da casa per lavorare a Riyadh.

24.1.18

Note annuali: 47° IFFR International Film Festival Rotterdam (24 gennaio - 4 febbraio)

Ha inizio oggi l'annuale manifestazione cinematografica olandease. E come da prassi, è un appuntamento che si rinnova anche attraverso queste pagine. Non poteva mancare, Rotterdam, poichè per la tipologia di Cinema qui seguito, resta pur sempre una vetrina fondamentale dalla quale fiutare e attingere, scovando, infine, "oggetti" potenzialmente stimolanti e di specifico interesse per il futuro (consapevole che magari, molti di questi passeranno poi a Locarno allo stesso modo di altri, che da Locarno 70 sono transitati qui - penso per esempio al suggestivo Meteorlar di Gürcan Keltek).

21.1.18

Phantom Islands

Rouzbeh Rashidi
Irlanda, 2018
86 minuti

Fare Cinema per Rashidi significa anzitutto parlare di Cinema, di come esso possa rapportarsi con quanto definiamo reale: come, insomma, un cineasta moderno possa sviluppare determinati concetti, insinuandosi in quella piega che fa da confine tra un approccio documentaristico ed uno, al contrario, prettamente di finzione.

31.12.17

Resoconti VIS 2017 | Archivio lungometraggi

Spezzo solo per un attimo, in occasione di quest'ultimo giorno dell'anno, la pausa che mi sono prefissato. Lunga probabilmente, ne sono consapevole, ma necessaria per un periodo come quello trascorso dove la mente richiedeva di orientarsi verso altri territori, concentrarsi su altre cose alle quali ho voluto, infine, dare priorità. Non so ancora quando riprenderò con gli articoli, spero presto. Il consueto elenco dei film visionati durante l'anno (anche se in numero ridotto rispetto al passato), ad ogni modo, non poteva assolutamente mancare. Anzi, ora direi che si addice ancor più alla piega antologica che questo blog sta prendendo: uno spazio d'archiviazione nel tempo.